Home / Life 2.0 / Nuovo outfit per Twitter
Nuovo outfit per Twitter

Nuovo outfit per Twitter

Ogni giorno siamo sempre più connessi e più social. E se Facebook è il social network più utilizzato, con oltre un miliardo di utenti attivi, Twitter cambia outfit per attrarre gli users. 140 caratteri per esprimere la tua idea e la possibilità di associare il tutto ad una parola chiave preceduta da un cancelletto. Ovvero un Hashtag per sintetizzare il tuo pensiero e renderlo più visibile.

Twitter, sebbene sia la nuova tendenza, in Italia conta solo il 15% dei social users. In particolare la fascia d’età delle persone registrate sul social e più attive è sui 30 anni. Per rendere più accattivante il profilo e per catturare nuovi iscritti, il social cambia faccia proponendo una nuova grafica per gli utenti. Da aprile 2014 infatti è possibile personalizzare il proprio profilo mettendo in evidenza i migliori tweet. A mio avviso la possibilità di inserire una foto di sfondo del profilo assomiglia molto alla copertina del diario Facebook: la nuova grafica mi ha piacevolmente coinvolta ma non stupita. Design essenziale, grafica moderna e di tendenza, ma una sorta di “duplicazione” del profilo Facebook. Punto debole? La nuova versione coinvolge soltanto la piattaforma per computer e pc. La grafica per dispositivi mobile, la più usata dagli utenti del social network, è rimasta immutata.

Perché creare un profilo Twitter? Se prima entrare su Facebook per vedere cosa stavano facendo i tuoi amici era divertente, ora può risultare alquanto scocciante. Inviti per eventi, giochi, richieste di aggiunta a “Compleanni” e mille gruppi che inviano notifiche di ogni tipo. Twitter funge da by-pass e supera tutto questo. Ho creato il mio profilo Twitter per “curiosare” i personaggi famosi e leggerne i “cinguettii” e per avere aggiornamenti in pillole su politica e startup.

Twitter come strumento di informazione, un po come un giornale virtuale che racchiude tutto ciò che mi interessa. Per me Twitter dovrebbe far leva proprio su questo: sulla personalizzazione e su ciò che lo differenzia da Facebook. È il bello o il brutto di Twitter, uno strumento che punta all’essenza delle cose. Sa essere più veloce degli altri servizi quando si tratta di dare e ricevere notizie. Piacevole la nuova grafica ma serve altro per emergere.

FacebookTwitterGoogle+PinterestTumblrStumbleUponRedditGoogle GmailPrintWordPressWhatsAppTuentiShare

Comments

comments

Comments are closed.

Scroll To Top